mercoledì 11 dicembre 2013

Poste canadesi in crisi, abolita la distribuzione porta a porta

Le Poste canadesi hanno annunciato la fine del servizio di distribuzione porta a porta entro cinque anni e il raddoppio dei prezzi dei francobolli, sperando in tal modo di ritrovare l'equilibrio finanziario nel 2019; entro il 2015 dovrebbero venire eliminati almeno 6mila posti di lavoro.
Come già accade nelle zone rurali, le famiglie riceveranno le lettere in cassette postali collettive: procedura che secondo le Poste canadesi riguarda comunque già i due terzi della clientela e dunque non dovrebbe avere un impatto negativo.
Tra il 2006 e il 2012 il volume di traffico annuo è sceso da cinque miliardi a quattro miliardi di lettere l'anno, soprattutto perché le bollette e altre fatture non vengono più spedite per posta ma attraverso le e-mail.

Nessun commento:

Posta un commento